Questo sito web utilizza i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile; i cookie ci servono inoltre per ricordare le tue impostazioni ed effettuare statistiche web. Se accetti senza modificare le impostazioni, ne deduciamo che acconsenti a memorizzare tutti i cookie di questo sito nella directory file del tuo browser. Potrai comunque modificare le impostazioni dei tuoi cookie in qualsiasi momento lo riterrai opportuno.

Recensione

Classe PRO

InMoto

01 giugno 2011

Valentino Rossi

Il BT-016 PRO ha dimostrato una buona performance nei test della rivista InMoto, svolti in pista e in strada, su terreno sia asciutto che bagnato.

Bridgestone aveva già sviluppato pneumatici moto con fasce differenziate di mescola tra la parte centrale (più dura) e le spalle in appoggio (più morbida): con anteriore e posteriore bimescola, il BT-016 PRO Hypersport è l’evoluzione di questa tecnologia.

Pneumatico supersportivo disponibile in quattro misure, 120/70-ZR17 per l’anteriore e 180/55, 190/50 e 190/55 (tutti ZR17) per il posteriore, il BT-016 PRO ha dimostrato una buona performance nei test della rivista InMoto, svolti in pista e in strada, su terreno sia asciutto che bagnato.

Grazie all’impiego di una mescola con Silica Rich EX arricchita dai nanopolimeri RC e alla carcassa basata su una cintura monospirale in acciaio, i BT-016 PRO hanno assicurato una grande rigidità in compressione garantendo un’area di contatto uniforme e una buona stabilità anche alle velocità elevate che si possono raggiungere in pista.

Un altro punto di forza del prodotto è l’aumento della resa chilometrica che porta a un risparmio sui costi d’uso senza penalizzare però, con un’eccessiva durezza della mescola, la sicurezza in ogni condizione d’impiego.

L’asfalto bagnato non ha creato difficoltà nella guida: anche in condizioni difficili il tester ha potuto azzardare buone pieghe senza paura di perdere improvvisamente aderenza, segno di notevole miglioramento rispetto al passato.

Nell’utilizzo su strada, InMoto consiglia di scaldare i pneumatici per qualche chilometro prima di poter disporre di tutto il grip, una soluzione che potrebbe essere favorita dalla riduzione di qualche decimo di bar della pressione di gonfiaggio per garantire un più rapido riscaldamento.

Sintesi dell'articolo dal titolo "Classe Pro", pubblicato sul numero di giugno 2011 della rivista InMoto. 


Si possono azzardare buone pieghe senza patemi di perdite improvvise di aderenza.