Storie che fanno presa Terza puntata - Alla scoperta dell’Austria

By Fabio Verhelst

nov 30 2018

Vista aerea di una persona in moto nella campagna austriaca.

In moto, non si va da un punto di partenza a un punto di arriva. Si vola da un’avventura all’altra. Ad ogni chilometro ci sono nuove gemme da scoprire. Ad ogni curva. Ad ogni sorriso. Con le Storie che fanno presa, miriamo a catturare questi momenti e condividerli con tutti.

In sella a questo enorme pezzo di acciaio mi sento libero dalla routine; la mia mente si concentra sul presente e poco altro.
Rik van Gerwen , Motociclista Bridgestone

Sommario

La terza puntata delle Storie che fanno presa ci porta in Austria. Immersa nella storia e costellata di bellezze naturali, l’Austria è una destinazione stupenda per i motociclisti. Il narratore, Rik van Gerwen, descrive il brivido di guidare per tutto il paese, il profumo dei pini e forze anche di Wienerschnitzel. Decide di dar retta allo stomaco e fa una sosta in una trattoria locale per approfondire la cucina austriaca, assaggiando il famoso piatto di carne impanata.

Tornando in sella, Gerwen ci spiega perché una moto è qualcosa di più che un pezzo di acciaio: per lui è un modo di sfuggire alla routine e apprezzare il presente. Un altro che vede l’acciaio come una via di fuga o forse addirittura di salvezza è Alex. Alex fa il saldatore ed è anche un artista che crea cubi di acciaio destrutturato; si è servito del lavoro per superare una depressione e ritrovare la sua libertà personale.

Alex invita van Gerwen per fargli conoscere la sua storia di ripresa in una visita al suo studio e una dimostrazione di come crea i cubi. Alla fine, ci rendiamo conto che questi cubi non sono solo un progetto d’arte. Sono il simbolo di come l’esperienza di una vita può forgiare il carattere di una persona, ma la libertà esiste sempre.

Con il cuore a pieno carico, van Gerwen mette alla prova i suoi pneumatici nella campagna austriaca. Qui, le montagne diventano il campo di gioco, la passione diventa velocità e sta per diventare il viaggiatore più felice del mondo.